Guido Cupani

 

 

(Italia/Italy)

 

 

 
Poetry in translation – in Gifted Beneficato by Patrick Williamson with Guido Cupani

Beneficato

 

Thirty poems written as treated found poems as part of the Pulitzer Remix project, which was created by Jenni B. Baker, founder/editor of the Found Poetry Review. The poems were written using text in Humbolt’s Gift by Saul Bellow and posted one by one on the Pulitzer Remix website, from 1 to 30 April 2013.

Queste trenta poesie sono state scritte come poesie ritrovate e trattate, all’interno del progetto Pulitzer Remix, creato da Jenni B. Baker, fondatrice/redattrice della Found Poetry Review. Le poesie sono state scritte usando testo tratto da Humbolt’s Gift [Il dono di Humbolt] di Saul Bellow, e pubblicate ad una ad una sul sito di  Pulitzer Remix, dal 1° al 30 aprile 2013.

*          *                     *

In his preface, below, Guido Cupani gives a great insight into the intricacies of this work, from the choice of Saul Bellow’s novel Humboldt’s Gift onwards.  He describes how Patrick Williamson made his selections from the text and how he organized the phrasing and syntax. Then there was the task of translating these selections into Italian:

 

 

 

Words as a gift

 

Poets believe that they have an infinite universe in their hands; what they actually use is a small subset of the words between the two covers of a dictionary. All future books already exist, scattered across the corpus of literature: the hard work is to find them, and to sort out their words, throwing away what is not needed. One apparent exception to this axiom is the possibility of word coinage; nevertheless, it’s just a matter of time before a coined word is incorporated in the dictionary as well.

When I first heard about found poetry, I must admit I regarded it as a pointless artifice – a poet chooses a book and decides to create a new work by literally picking words out from the book. The rule is simple: you can only use words from the original text. Puzzle lovers may be tempted to introduce a further constraint: instead of picking words out randomly, always choose the tenth word of each line, or one word out of thirty; pass the text through the sieve of Eratosthenes; whatever boredom and numerology may suggest. Can we call a text that is so mechanically engineered a poem? With great humility, practitioners refer to them as found poems. That’s deliberately ironic, though: if you just think of it, all poems are found, not only those composed in this way. Verses are not created ex nihilo; the artist’s skill, the so-called inspiration are not regarded as mechanical just because we are unaware of their obscure laws. Being forced to pick words from our personal mind inventory is not a lesser constraint than to unearth them in a book written by somebody else.

The book you are about to read is an explicit collection of found poems. The statement is a part of the game. The original text is Saul Bellow’s renowned novel Humboldt’s Gift . The title of the new work, Gifted, reflects its source and the author as well: in a sense, finding poems is receiving a gift. Patrick Williamson is too well-judged an author not to know the limits of a programmatic approach; he admits he selected the words according to his own taste. He resolved to proceed in a forward direction where each new word follows, at some point, the previous one, thus respecting the order they had in Bellow’s text; he did not refrain from inflecting verbs and nouns when needed, though, to comply with the syntax of the new text. This is properly referred to as treated found poetry.

Are these just technicalities? Yes and no. One cannot help but notice a great syntactical liberty in the texture of Gifted; in most poems, the boundaries between phrases are barely discernible. The lack of full stops is not a mannerism but a way to emphasize the ambiguity. For example:

 

I must stop

this tease-act

fatalities make

this a gloomy place

little of substance

we could tell

rulings set penalties

[…]

 

Reduced relative clauses in English allow for this liberty; almost all possible arrangements are grammatically sound:

 

I must stop this tease-act

this tease-act fatalities make

fatalities make this

make this a gloomy place

little of substance we could tell

we could tell rulings set penalties

 

It is certainly not an attempt at randomness, relying on the reader’s subjectivity. Williamson positively puts forward a single construal in each case. The aim is different: to constantly remind the reader that lines are literally sequences of words and that these words come from another text; that the number of possible arrangements is boundless and the filiation of one text from another could go on indefinitely (I suspect that Williamson may regard his own book as a source for future found poems).

Gifted poses a tough dilemma for the Italian translator. A tempting option is to dig into the translation of Humboldt’s Gift, after having retrieved the words picked out for the new book. But this is an impossible task, that’s why it looks so simple. It is based on two misguided assumptions: that a one-to-one correspondence between the two languages exists, and that Williamson would have chosen the same words, had he been able to directly pick them out from the Italian version. Found poetry takes the issue of poetic translation to extremes. What is to be translated: Bellow’s words? Williamson’s rearranging inspiration? Something in-between, to make the recomposition process more apparent?

The answer lies in the book itself. Gifted reaffirms the quality of Williamson’s poetry, already known to readers of Nel santuario, the previous collection published by Samuele Editore in 2013. It’s like meeting an old friend again after a long time; we find him changed, but we still recognise him; we feel that time has made him more rounded, that life has grown a new tree ring to his experience. (The tree metaphor is fitting to an author who carves his poems from living matter, albeit still and petrified, so to speak.) We find once again the hyperrealistic concern for natural detail, the appearance of vanishing, ghost-like human figures; the sharp light-and-shade contrast in description, the fragmented rhythm that drives the reader’s attention here and there, with sudden deviations. We also find a subtler irony, well enhanced by the stylistic uniformity and the lack of punctuation, eventually leading to disorientation: We were whispers […] without a me / you’ll have it right / in the teeth / I said it’s sweet of you / to stand up for me. We find, above all, a clear continuity across the whole work, which can be read as a single poem in fact, moulded by unrelenting forces. This is the accomplishment of a mature poet, who recognises himself in any medium and is able to shape the raw material to his own will.

This cohesive quality is what I tried to preserve in translation. I started from the end, from the results, refraining from mimicking the author’s procedure. One does not need to know about the compositional approach to appreciate a work that is justified in itself. The trick is not the point. Bellow’s words sound legitimately new on Williamson’s pages because they are everybody’s words, and continue to be when the book is over. Gifted is a bewildering journey through the afterlife realms, where participation and detachment, the absolute and the ordinary coexist. It’s a discussion about life heard through a wall, or read transparently from the other side of the sheet, after life: hence its universal yet enigmatic tone, always far from mere divertissement. Is it just a lucky coincidence that the Italian version of this book may be considered, ex post, a form of treated found poetry on Dante’s Commedia? I leave the reader the pleasure of proceeding through the poems without any other anticipation. To land on the last page with a feeling of having been, like the author, gifted.

 

 

Guido Cupani, 15 January 2015

 

 

 

Il beneficio delle parole

I poeti credono di avere a disposizione l’infinito universo; quel che usano è in realtà solo un sottoinsieme delle parole comprese fra le due copertine di un dizionario. Non c’è libro futuro che non esista già, sparpagliato, nel corpus di qualsiasi letteratura: la fatica è semplicemente ritrovarlo, setacciarne le parole e ordinarle gettando via tutto quel che non serve. L’invenzione di neologismi è solo un’apparente violazione di questo assioma, che dura finché i nuovi termini non vengono inglobato a loro volta nel dizionario.

Quando ho sentito parlare per la prima volta di “found poems”, lo ammetto, ho pensato che si trattasse di un gioco sterile. Il poeta prende un libro e decide di trarne una nuova opera letteralmente pescando dal libro le parole che preferisce. La regola è semplice: si possono usare solo le parole del testo di partenza. Gli amanti dell’enigmistica possono darsi un vincolo ulteriore: anziché pescare parole a caso, scelgano sempre la decima parola di ogni rigo, o una parola ogni trenta, o passino il testo attraverso il crivello di Eratostene; qualsiasi cosa suggerisca loro il tedio o la numerologia. Si può chiamare poesia un testo composto in modo così meccanico? Umilmente, chi coltiva quest’arte parla appunto di poesia trovata. Ma la provocazione è evidente: come queste, qualsiasi altra poesia può dirsi trovata, se solo ci si pensa un po’. Non c’è verso che sia creato ex nihilo. L’estro, la cosiddetta ispirazione ci appaiono meno meccaniche solo perché non riusciamo a decifrarne le leggi occulte. Attingere dal bagaglio di parole che ci portiamo in testa non è meno vincolante che attingere da un libro scritto da mente altrui.

Il volume che tenete in mano è dichiaratamente una raccolta di poesie trovate. La dichiarazione fa parte del gioco. Il testo di partenza è Humboldt’s gift, il noto romanzo di Saul Bellow (ristampato nel 2009 da Mondadori con il titolo Il dono di Humboldt, traduzione di Pier Francesco Paolini). Gifted è già un riferimento all’autore, oltre che all’opera: trovare poesie significa, in un certo senso, ricevere un dono ed esserne beneficato. Patrick Williamson è un autore abbastanza consapevole da conoscere i limiti di qualsiasi scelta programmatica e ammette di aver selezionato le parole a proprio gusto. Si è imposto, questo sì, di procedere in un’unica direzione, di cercare ogni nuova parola più avanti della precedente nel testo di Bellow; ma non ha avuto troppi scrupoli ad aggiustare verbi e sostantivi per rispettare la sintassi nel testo di arrivo, che si definisce, per questo motivo, “treated found poem”, poesia trovata e trattata.

Sottigliezze tecniche? Si e no. Quel che salta subito all’occhio, a chi legga Gifted nell’originale inglese, è il fatto che non si riesca a determinare con sicurezza dove finisca una frase e ne cominci un’altra. L’assenza di punti fermi qui non è un vezzo, ma un modo di favorire quest’ambiguità. Provare per credere:

 

I must stop

this tease-act

fatalities make

this a gloomy place

little of substance

we could tell

rulings set penalties

[…]

 

La lingua inglese lascia cadere i pronomi relativi con grande indulgenza; quasi tutte le possibili letture sono grammaticalmente sostenibili:

 

I must stop this tease-act: Devo dare un taglio a questa messinscena

this tease-act fatalities make: Questa messinscena creata dalle fatalità

fatalities make this: sono le fatalità a farlo

make this a gloomy place: rendono cupo questo luogo

little of substance we could tell: poca sostanza che potessimo dire

we could tell rulings set penalties: riuscivamo a distinguere ordini e sanzioni

 

Non significa che l’autore si abbandoni all’arbitrio del lettore. Williamson è risoluto nel privilegiare sempre una e una sola lettura, quella che si cerca (per quanto possibile) di evocare nella traduzione. L’intento è un altro: ricordare al lettore che i versi sono allineamenti di parole e che queste stesse parole provengono da un altro testo; che il gioco combinatorio è potenzialmente infinito, come lo è il processo di filiazione che lega un testo all’altro (sospetto che Williamson pensi anche al proprio libro come a un giacimento per futuri found poems).

Gifted pone al traduttore un compito particolarmente arduo. Un’idea allettante è attingere alla traduzione di Humboldt’s gift, dopo aver ritrovato una ad una le parole traslate nel nuovo libro. È una soluzione impossibile, perciò appare semplice. Si basa su due ipotesi false: che esista una corrispondenza biunivoca tra le due lingue, e che Williamson avrebbe scelto le stesse parole se avesse potuto servirsi direttamente della versione italiana del romanzo. La poesia trovata estremizza il problema di fondo di qualsiasi traduzione poetica, ossia capire che cosa si debba tradurre: le parole di Bellow? l’ispirazione riorganizzatrice di Williamson? qualcosa a metà, che dia conto del processo di ricomposizione?

Il libro stesso contiene la risposta. Per chi abbia già letto Nel santuario, la precedente raccolta pubblicata da Samuele Editore nel 2013, Gifted è una piacevole riconferma. Sembra di rincontrare un amico dopo un lungo viaggio; cambiato, ma riconoscibile e forse più completo per effetto del tempo trascorso; come se la vita avesse accresciuto un nuovo anello all’esperienza. (La metafora del legno è appropriata a un autore che pare intagliare le proprie poesie in una materia viva, ancorché immobile e per così dire fossilizzata.) Ritroviamo lo sguardo iperrealista sulla natura, il balenare fantasmatico di presenze umane, l’accentuato chiaroscuro delle immagini; il procedere del pensiero per guizzi improvvisi, ben sottolineati dalla frammentazione del ritmo. Troviamo un’ironia ancora più sottile, che sfrutta l’uniformità di tono e la mancanza di interpunzione per aumentare il senso di spaesamento: We were whispers […] without a me / you’ll have it right / in the teeth / I said it’s sweet of you / to stand up for me (Eravamo sussurri […] senza un me / te la prendi dritta / sui denti / che gentile dissi / a prendere le mie parti). Troviamo soprattutto una continuità più marcata fra i testi, che è difficile non leggere di seguito come un unico poemetto, teso e implacabile. Troviamo l’esito di un poeta maturo, che riconosce sé stesso in qualsiasi materia e che sa piegare a proprio vantaggio ogni vincolo compositivo.

È questo principio di coesione che ho tentato di tradurre, partendo ovviamente dalla fine (dal risultato) e rinunciando a riprodurre il meccanismo con cui l’autore vi è giunto. Anche a chi non sappia nulla del criterio compositivo, l’opera appare giustificata in sé. Il trucco non è fondamentale. Le parole che furono di Bellow sono come nuove sulla pagina di Williamson, e questo perché sono parole di tutti, e continuano ad esserlo dopo questo lavoro. Gifted è uno stralunato viaggio ultramondano in cui distacco e partecipazione, assoluto e quotidiano convivono. È un discorso sulla vita udito attraverso una parete, letto in controluce dall’altro lato del foglio, post mortem: di qui il suo tono universale ed enigmatico, mai ridotto a scherzo o a divertissement. È solo un caso fortunato che la sua versione italiana possa considerarsi, ex post, un’operazione di “treated found poetry” sulla Commedia di Dante? Lascio al lettore il piacere di inoltrarsi fra i versi senza ulteriori anticipazioni. Per approdare all’ultima pagina e scoprirsi, prevedibilmente, al pari dell’autore, beneficato.

 

 

Guido Cupani,  15 gennaio 2015

 

 

 

The resulting work is elegant, intricate and compelling. Here are the first and last poems from the book, with 3 poems from the rest of the book inserted within these.

 

I became, after death,

even more intense

I ran away leaped down

as a boy remarkable

in my fifties inspired

with flight that same night

boasted I can

how I ran hell flew

in terrific shape

sturdy naked sides so

his bones crumbled

nothing but soot

 

Diventai, post-mortem,

ancora più deciso

fuggii balzai

come ragazzo notevole

a cinquant’anni ispirato

alla fuga la notte stessa

urlai che potevo

come corsi cristo volavo

in forma smagliante

turgido il fianco nudo e

le sue ossa si sbriciolarono

sporcizia, nient’altro

 

He stopped me

see what I mean

death and rebirth

the soul’s journey

past the gates of death

hold it

go for that

thing called

love

 

Mi fermò

capisci che intendo

morte e rinascita

viaggio dell’anima

oltre i confini della morte

calma, calma

cerca quella

cosa chiamata

amore

 

Only change

the cold face

our meetings always

how I’ve missed

we always went

straightaway

through covering snow

frost was delicious

the weight of winter

lifted effortlessly

astonishing light

Unica novità

il viso freddo

i nostri incontri sempre

quanto mi sono mancati

ogni volta andavamo

via sui due piedi

fra coltri di neve

delizioso il gelo

il peso dell’inverno

si sollevava senza sforzo

luce favolosa

 

We were lofted

corrugations of seas

no higher to eye

than palate to tongue

we plunged across

this deep place

the school of souls

I believed the glimmers

of Good

only a fool would

 

Eravamo innalzati

il corrugarsi dei mari

non appariva più alto

del palato alla lingua

volammo radenti

su questo abisso

il branco di anime

credevo ai barbagli

del Bene

solo un pazzo l’avrebbe fatto

 

My job in the bag

muttering drunken

had little to say

if you’d like to go

I don’t feel quite ready

I told you it was just

we’ve known

written about each

cheerful season for us

if I have to go

I can count on you

 

Compiuto il lavoro

borbottando ubriaco

non avevo granché da dire

se desideri andare

non mi sento ancora pronto

te l’ho detto era solo

quel che abbiamo saputo

scritto di ciascuna

allegra stagione per noi

se devo andarmene

posso contare su di te

 

 

 

 

 

 

 

____________________________________________

 

BIO

Italiano:

 

 
Patrick Williamson abita vicino a Parigi. Traduttore nel settore dei servizi finanziari e relatore di una tesi specialistica in traduzione all’ESIT, Université Sorbonne Nouvelle, è anche poeta e traduttore letterario, e ha pubblicato una dozzina di opere. Le sue ultime raccolte sono Beneficato (inglese-italiano, Samuele Editore, 2015),Tiens ta langue/Hold your tongue (Harmattan, 2014), Gifted (Corrupt Press, 2014), e Nel Santuario (Samuele Editore, 2013; Menzione speciale della Giuria della XV Concorso Guido Gozzano, 2014). Ha curato e tradotto The Parley Tree, An Anthology of Poets from French-speaking Africa and the Arab World (Arc Publications, 2012), e ha tradotto fra gli altri Tahar Bekri, Gilles Cyr, Guido Cupani and Erri de Luca. È membro fondatore dell’agenzia transnazionale Linguafranca.

 

Guido Cupani è nato a Pordenone nel 1981. Lavora all’osservatorio astronomico di Trieste e vive a Portogruaro. Ha pubblicato le raccolte poetiche Le felicità (Samuele 2011) e Qualcosa di semplice sulla neve (Culturaglobale 2013). Ha tradotto la silloge Nel santuario di P. Williamson (Samuele 2013). Ha partecipato alla Festa di Poesia di Pordenone (2010, 2011), ai Notturni Di_versi di Portogruaro (2011, 2012) e al Festival Acque di Acqua (2013). Alcune sue poesie sono incluse nello spettacolo Ballate per il nordest di V. Mirandola e Piccola Bottega Baltazar (2013).
 

 

 

____________________________________________

 

English:

 
Patrick Williamson, a British poet and translator, who lives in France. I also work with music and filmpoems (Afterwords, set to music by Mauro Coceano). My work is increasingly focused on Italy, where I have published two collections Beneficato(English-Italian, Samuele Editore, Pordenone, 2015), and Nel Santuario (Samuele Editore, 2013; Menzione Speciale della Giuria in the XV Concorso Guido Gozzano in 2014). Editor and translator of The Parley Tree, An Anthology of Poets from French-speaking Africa and the Arab World (Arc Publications, 2012). Recent and ongoing translations of poetry by Italian writers Guido Cupani and Erri de Luca.

 

Guido Cupani was born in Pordenone in 1981. He works at the astronomical observatory in Trieste and lives in Portogruaro. He published the poetry collections Le Felicità (Samuele 2011) and Qualcosa di Sempla Sulla Neve(Culturaglobale 2013). He has translated Nel Santuario and Beneficato by Patrick Williamson (Samuele 2013, and 2015). He has participated in Pordenone’s Festa di Poesia (2010, 2011), Notturni Diversi in Portogruaro (2011, 2012) and the Acque di Acqua Festival (2013). Some of his poems are included in the show Ballate per il nordest by V. Mirandola and Piccola Bottega Baltazar (2013).

 

Articles similaires

Tags

Partager