Gabriela Bodin

 

image001

 

(Romania-Italia)

 

 

 

image003

 

 

 

image005

 

 

 

image007

 

 

 

image009

 

 

 

image011

 

 

 

image013       nuotatrici

 

 

 

image015

 

 

 

image017

 

 

 

image019

 

 

 

ABOUT Gabriela Bodin

 

Born in Focsani (Romania), attended the Professional Institute of Technical Fashion Colonna Gatti (Nettuno, Italy). She lives and works in Bergamo.

 

Awards:

 

2st place Painting Competition of Spirano 2014

Silver Plaque award young artists, convivio artistico F. De Lemente. 2013

1st Place Painting Competition at Palazzo Borromeo, Cesano Maderno. 2012

Finalist Award Combat (Livorno), 2012

Award finalist Movimento, Segrete di Bocca (Milano).2012

1st place section young artists Premio Morlotti, (Lecco), 2011

1st place Prize of Young Art (Soresina), 2011

1st place Premio biennale di pittura Luigi Brambati,Castiglione d’Adda, 2010

3rd place in the international competition of Tulcea (Romania), 1999

 

Exhibitions:

 

St’Art fair (Strasbourg) 2015

Art without borders , Living Art Gallery ( Hungerford, UK) 2015

ConsumArt fair ( (Nürnberg) 2015

Menschen und Tiere, solo-exhibition at the Consulate General of Romania (München)/ Tiny Griffon Gallery, 2015

Menschen und Tiere, solo-exhibition Tiny Griffon Gallery (Nürnberg), 2015

Lille Art Up 2015 (Lille)

Solo exhibition Gabriela Bodin, Prince & Princess Art Gallery (Paris), 2015

ALIENS  House of Ludovico Ariosto, Ferrara, 2014

Flash  on the gallery at Kahila Art Gallery (Cairo), 2014

Stand LEADERS,Vernice Art Fair Forli, 2014

1st Biennale of Sharm El-Sheikh, 2013

Arte Piacenza, 2013

Art Cremona 2013

ART Padova, Padova fair, 2013

NATURARTE  by Mario Quadraroli, arsenal Bertonico, 2013

Snake shake river by Alberto Crespi,Castello Visconteo di Trezzo D’Adda, 2013

Art Brescia international biennial of contemporary art, 2013

Mattonelle d’artista , solo show with Elena Amoriello by Mario Quadraroli, headquarters of the Foundation, Lodi, 2013

‘900  Milan2013

Affordable Art Fair , 2013

The Neverland , Exhibition Novegro Fair (MI), 2012

La realtà nell’espressionismo simbolico di Gabriela Bodin, solo-exhibition by Tatiana Martyanova,OpenArt gallery  Milan, 2012

Art Accessible Milan, 2012 /Affordable Art Fair (Milan), 2012,

Through the soul, solo-exhibition at Oldrado da Ponte gallery (Lodi), 2012

Third Biennale of Art of the City of Lodi, 2011

The Creation, Multimedia Room of the Consulate General of Italy in Shanghai (China) by Dott. Paolo Sabbatini, 2011

Following the path of Marco Polo, Hangzhou (China), 2011

Seven, curated by Roberto Ronca, (2010-2013)

In transit, exhibition,ex-Chiesa dell’Angelo Lodi, 2010

 

 

 

Hanno scritto di me

PRESE ECRITE

 

Cristina Simion

 

Gabriela Bodin und die unendliche Besessenheit

 

Die Kunst von Gabriela Bodin ist eine Poesie der Einsamkeit, der unendlichen Melancholie, begleitet von einer ungewöhnlichen Ausdruckskraft.

Die besonderen Kennzeichen ihre Malerei sind Einzigartigkeit in der Personendarstellung, zusammen mit der tiefen Botschaft ihres Weltverständnisses.

Einige Überlegungen über die Figuren in der Welt der Künstlerin und die Art ihrer Darstellung sind vielleicht hilfreich.

Zunächst bemerken wir die Einsamkeit der Figuren, Menschen oder Tiere, in einer neutralen Umgebung, die aber feindlich und unwirtlich wirkt.

Manchmal spüren wir konkrete Furcht, Angst, Fremdheit, manchmal spüren wir, dass diese Einsamkeit eine persönliche Entscheidung ist.

Und, wenn es eine bewusste Entscheidung ist, ist es dann eine selbst auferlegte Strafe? Oder ist es der eigene, unerbittliche Wille, sich selbst zu isolieren, auf sich selbst zurück zu kommen, um die eigene Stimme besser zu hören?

Wenn wir den Ausdruck der Figuren betrachten, scheint es uns wahrscheinlicher, dass sie sich auf sich selbst zurückziehen.

Die Kritiker loben einstimmig, wie geheimnisvoll und zauberhaft Gabriela Bodins Werke sind.

Das stimmt, ein Kunstwerk, das seine Botschft zu klar vermittelt, wird zu einem dekorativen Gegenstand statt zu einem Anlass der Selbstbefragung.

Gabriela Bodin ist überhaupt nicht dekorativ. Ihre Bilder behalten Aussagekraft, je öfter wir hinschauen und sie befragen.

So unwahrscheinlich es klingt: Gabriela Bodin schickt uns eine Botschaft über uns selbst, über die Beziehung zwischen Bewusstem und Unbewusstem. Eine Botschaft über die Ausgeglichenheit unserer eigenen inneren Welt, wenn wir nackt da stehen, ganz ohne die Dinge, die normalerweise unserer Leben füllen oder unsere Aufmerksamkeit erregen.

Es gibt mehr Fragen als Antworten, aber ist das nicht ein Zeichen, das ein Kunstwerk wirklich dauerhaft bleibt?

Wenn alles entdeckt ist und das Geheimnis verschwindet, hört das Werk auf uns zu beschäftigen. Die Arbeiten von Gabriela Bodin erregen eine ständige Besessenheit. Das ist der Grund für ihre besondere Stellung in der zeitgenössichen figurativen Malerei. Und das ist das Entscheidende für einen Künstler.

 

 

Melancholy and Mystery

 

by Grady Harp

( PoetsArtists , edition august 2012 )

 

mysterious, transformative paintings of Gabriela Bodin invite conversations with the viewer.
Her fifigures appear isolated in some uncomfortable and hollow space that seems almost a cell in which each fifigure or fifigures remain arrested in time, fearing intrusion, while at the same time longing for connection. Sad eyes, expression less stares suggest a profound loneliness, a state of being that perhaps pulls forth from us those moments of fear or inexplicable anxiety we all attempt to internalize, barricading entry into the privacy of our lives .Or as Virginia Woolf phrased it, ‘If one is to deal with people on a large scale and say what one thinks, how can one avoid melancholy ?

I don’t admit to being hopeless, though: only the spectacle is a profoundly strange one; and as the current answers don’t do, one has to grope for a new one, and the process of discarding the old, when one is by no means certain what to put in their place, is a sad one.’

Gabriela Bodin was born in Focsani , Romania in 1983.

She attended art school at Tatarescu in Focsani and followed  that with further training in the Collonna Gatti in Nettuno , Italy.

She lives and works in Bergamo , Italy . Bodin’s national heritage may have inflfluenced her art. She was born in a time of Communist rule ( from 1945 to1989)and from 1945 to 1964 deaths in custody are estimated in the tens or hundreds of thousands. Many more were imprisoned for political, economical or other reasons. There were a large number of abuses, deaths and incidents of torture against a large range of people. Nicolae Ceauşescu became head of the Communist Party in 1965 and head of state in 1967, assuming the newly-established role of President of Romania in 1974. Physical hardship and moral despair overwhelmed the society. Ceauşescu’s denunciation of the 1968 Soviet invasion of Czechoslovakia and a brief relaxation in internal repression helped give him a positive image both at home and in the West. Rapid economic growth fueled by foreign credits gradually gave way to austerity and political repression that led to the fall of the totalitarian government in December 1989. Bodin was a mere six years old during the Revolution of 1989 and
it seems doubtful that the atmosphere she witnessed during Ceauşescu’s reign could fail to have a profound influence on the art she would express as an adult. As she states, ‘I remember seeing that my parents were afraid to leave home because of the gunshots outside in the streets. My parents wore expressions of terror and I remember with horror watching the execution of Ceauşescu and his wife on television.’ In 2000 Gabriela Bodin arrived in Italy and even at age 17 she felt a profound loneliness,   fifinding it diffificult at fifirst to form friendships. ‘Loneliness has always been a part of my nature. ’Perhaps the overall sense of melancholy in Bodin’s masterful canvases are occult memories of experiences witnessed. And perhaps that is the reason she is far more immersed in technique than in the choice of subject matter . Her palette is limited by choice to the raw tones of red and white, ochre and umber, brown and the ever-present black that fills the otherwise empty space behind the subjects she paints. The ‘black’ she most often employs is bitumen, a tarry substance that makes its own raw statement. Her brush stroke is loose as though building with washes allows the fifigures to emerge from the darkness that lies behind and around them. Gabriela Bodin’s paintings deal primarily with the human fifigure and despite the looseness of her brush strokes her eye for detail is focused on the definition of the features of the face – the mouth, the nose and the sad, mournful , mysterious eyes that almost invariably engage the viewer with a silence that deafening. In Woman with White Dress,2012 she defifines her subject well but the lower aspect of the fifigure seems to meld with the amorphous foggy background: she stands before us as though being judged. The same sense of isolation occurs even when there is more than one fifigure, as in the painting  Two Brothers in Water, 2011, or the strange painting titled The Brides,2012, in which the two young girls’ faces are clearly depicted while what appears to be the presence of tiaras and veils are suggested by subtle and simple lines.

Her fifigures do not always encounter us with stares. This usual strange cold confrontational look is avoided or at least averted from our encounter as in Girl with Downcast Eyes, 2012, and in Young Girl with a Black Cardigan, 2011, and Girly, 2011. And at times the faces of her figures are obliterated without definition, as in Lovers, 2012.Not all of Gabriela Bodin’s paintings suggest the seemingly violent and energetic emotional vacuum of the paintings listed above.

She has produced a number of near fantasy paintings of airplanes and hot air balloons in flflight accompanied by sgrafit to sketches of drawing ideas, words , numbers and dresses scratched into the bitumen background.
And she has painted chickens and white dogs that can be seen as images of anger or play. In Boy with White Dog , 2012 she seems to be resolving some of her fifigures reluctance to interact and perhaps her paintings will develop this interaction more fully in the future .For now, despite the wondrously inviting comfort of an old sofa in Divan, 2011, Gabriela Bodin continues to create her emotionally frozen fifigures .

‘In my work I give much more importance to technique. The choice of the subject has no particular meaning: the subject is only a means to fifind the most significant shadows and position of the light. The choice of colors is quite limited in order to give greater clarity to the image; I employ the use of dark backgrounds for portraits so as to not have any distractions behind and to focus the viewer’s attention only on the person.’ She is a  young artist whose works are gradually being recognized throughout Europe as statements in tune with our time. And perhaps it is this lingering loneliness and melancholy mirrored in her art that speaks to the isolation we share in chaotic times.

 

 

Gli echi orientali di Gabriela Bodin

di Marina Arensi

 

Chi ha visto alla terza Biennale d’arte di Lodi le opere di Gabriela Bodin ha notato la svolta stilistica che ha recentemente interessato la pittura della ventottenne romena. Nell’ambito di questa evoluzione, coinvolgente anzitutto, ma non unicamente, la sfera del colore, si collocano i dipinti realizzati dall’autrice per l’iniziativa “Cento pittori sul cammino di Marco Polo” avviata l’estate scorsa, che apre ora la sua prima fase espositiva. A Venezia, negli spazi della Fondazione Bevilacqua La Masa di Piazza San Marco, si è aperta la mostra “Seguendo il cammino di Marco Polo: artisti italiani dipingono Hangzhou” (aperta fino al 30 novembre) con le opere di 100 pittori, e la Bodin tra questi, selezionati dall’Associazione Assoartisti-Confesercenti e dall’Argam) che hanno promosso il progetto insieme al Comitato Expo di Venezia, ad Hangzhou Cultural Brand Promotion Organization e alle amministrazioni delle città interessate: l’intento è quello di consolidare i rapporti tra Italia e Cina, attraverso gli scambi culturali tra i due centri legati dal filo rosso della vicenda del viaggiatore veneziano. Ad Hangzhou, la città a 140 chilometri da Shangai che fu tra le sette antiche capitali cinesi, Marco Polo si fermò e ne restò incantato, tanto da scrivere nel “Milione” «Non c’è al mondo città uguale, che vi offra tali delizie così che uno si crede in paradiso»; gli ricordava forse la sua Venezia lontana, con le innumerevoli isolette, collegate alla terraferma da ponti, che costellano il lago Xi Hu presso il quale sorge la città. E uno scorcio di Hangzhou raffigurante la “Strada delle stelle” di ricordo hollywoodiano, situata in uno dei quartieri più moderni, è nel quadro con il quale la Bodin si presenta a Venezia. Nel dipinto ci sono le immagini e le impressioni assorbite nel luglio di quest’anno, quando la prima fase del progetto l’ha portata in Cina perché potesse, insieme agli altri artisti coinvolti, osservare la realtà di questa “Venezia d’Oriente” per trasporla poi in pittura. Lo ha fatto con i sobri accenti di colore che hanno sostituito la monocromia delle opere con le quali si è fatta conoscere nel panorama espositivo lodigiano, vincendo l’ultima edizione del Premio Brambati. Alleggeriti dalla materia, che pure resta come irrinunciabile componente espressiva, gli sfondi continuano a offrire alle immagini uno spazio da cui sembrano emergere e concretizzarsi. Ma la stesura è divenuta più pittorica, con il colore che si sostituisce agli effetti di strappi e sovrapposizioni materiche; una tavolozza misurata in calde morbidezze, non lontane dalle monocromie che a lungo hanno descritto la personalità della Bodin: bianchi, rosati e bruni accesi di sprazzi luminosi. Placati i vortici di movimento della fase precedente, una più pacata riflessione sulla realtà e sulla pittura genera le figure; o gli scorci cittadini come quelli di Hangzhou, ripresa anche nel suo cuore più antico, nel quadro che rappresenterà la Bodin nella mostra di aprile, questa volta nella città cinese.

 

 

Emanuela Dho:

 

Nelle visioni postmoderne di Gabriela Bodin, invece, anche la luce sembra sprofondare in un abisso oscuro, dove un cielo nero fumo cola le sue lacrime di metallo su indifferenze e rimpianti, mentre un treno cieco continua la sua corsa verso il nulla e le macchine sfrecciano senza direzione, uniche tracce di colore nello spettro di una città svuotata, assente, scheletrita: sono scenari -tossici-, ansiogeni, accentuati da un evidente contrasto chiaroscurale, dalla rapidità del segno, da un’istintiva sintesi grafica e concettuale d’intenso impatto emotivo.

 

 

Flora Tumminello:

 

L’Arte quale strumento di cura e d’integrazione. Questo il valore umano che comunica Gabriela Bodin, giovane artista nata a Focsani in Romania, che ritorna alla pittura dopo un anno di stasi creativa. Studente di storia dell’arte nella sua patria e operaia per necessità in Italia dal 2000, dove ha proseguito gli studi frequentando l’Istituto professionale tecnico della moda Gatti di Nettuno. In questi anni si è aggiudicata diversi premi, alla biennale di terno d’Isola, e al concorso internazione Agazzi, a Bergamo, dove le è stata consegnata una menzione speciale. Ha esposto inoltre a Milano, Genova e Roma. Nelle opere esposte a Lodi, si leggono tracce di un vissuto carico di nostalgia e disagio. Sentimenti contrastanti che vengono liberamente espressi, grazie a una tecnica mista, all’uso cosciente del monocromatico che rende il clima velato, ferrugineo e per questo emotivamente partecipativo. I luoghi che l’artista tratteggia sono paesaggi urbani, fabbriche, stazioni, treni, periferie decadenti, che hanno un unico tratto distintivo, quello di essere non luoghi, specchio che riflette e racconta una profonda crisi identitaria, il cui punto, oggi, è transizione verso una nuova vita. L’uso del colore cupo, e del nero non rispecchia solo l’anima ferita di questa giovane così matura, ma uno stile cromatico imposto dalla scuola d’arte da cui proviene, ma che a detta di lei stessa vorrebbe superare. Tali toni pittorici vengono narrati attraverso una materia densa simile all’acciaio, al ferro, che ci riporta ai cantieri milanesi della città che sale di Boccioni. Nella ricerca artistica della Bodin, vi è la stessa presenza di elementi realistici, cantieri di palazzi immaginari in perenne costruzione, e una resa prospettica movimentata e dinamica, di forte impianto futurista, ma la sua mano rimanda anche all’intuizione costruttiva di Montemezzani. La sua pennellata dipinge e sovrappone materiali diversi che poi l’artista elimina, leviga per dare maggior movimento e profondità. I ritratti seguono lo stesso percorso, ma il colore lì appare, anche se misurato, illumina labbra e occhi di un nuovo fascino estetico, conferendo ai volti un’umanità pronta ad aprirsi al domani. La Bodin porta la propria pietra, racconta la sua storia personale, per tentare di far nascere un nuovo mondo esistenziale, il migliore possibile col quale confrontarsi, a volte minaccioso, ma a tratti anche gioioso.

 

 

Aldo Caserini:

 

Ancorché giovane è artista tosta, di sicure potenzialità pittoriche e sa destreggiarsi con altrettanta confidenza tra concorsi, mostre, network, free magazine, promozioni, fotografie eccetera, anche in versioni internazionali. Questo va detto subito per levare l’ingombro delle eccedenze (d’enfasi) e riconoscere che convivono in lei un vigilante senso comune dell’arte e un’altrettanto consapevole operazione di filtraggio o di attenzione al mercato, da sviluppare con scelte semplici una pittura figurativa di taglio realistico, tenendosi lontana da certi disastri del post-moderno.Nei suoi lavori (un buon numero si possono ancora vedere all’Atelier Ferrari in via Oldrado a Lodi, poi andranno a Milano alla Libreria Franco Angeli) sono chiari gli interessi e le differenze iconografiche.A un primo momento può sembrare che Il succo di tutto sia il colore. Certamente la scelta del colore rivela gusto, avversioni, desideri, paure, pensieri reconditi e passioni tradite. Ma la vera forza delle sue pitture sta nelle architetture: icone di passaggi epocali che coinvolgono edilizia, industria, strutture della mobilità, da lei rappresentate come prigione di tutte le ghost cities. Sia pure senza particolari scelte di linguaggio innovativo, provocatoriamente, con acutezza e visionarietà pittorica, la Bodin ri-descrive i rottami dello sviluppo espansivo delle metropoli, dove oggi nulla è più grigio del grigio e nulla è più vuoto del vuoto lasciato dal fiume di automobili che scorrono. Non so se pensi a Focsani sua città natale, o a qualche altra città della Romania o a Roma, dove ha vissuto alcuni anni. Di certo viene espresso con sicuro gusto scenografico realista l’espansa minacciosa aggressività delle nostre città, tutto sommato noiose anche se imbottite di notti bianche o di settimane della moda, dal momento che l’ assente è l’uomo vivo non la luce dei lampioni. Nei suoi paesaggi urbani, negli angolidi città senza traccia di colore l’artista sembra far prevalere un’ immaginazione “televisiva” e la convenzionale inclinazione a usare scenari di presa sul pubblico, che fanno ricordare i pittori di scuola “parigina” intenti, all’opposto, a proporre le colorite vivacità e intensità delle città europee di fine secolo. L’emozione comunicata non è né di stupore né di meraviglia, ma di natura poetica. Per dirla con un Guido Oldani che cita Husserl, «la verità è sempre più ampia dell’evidenza». La mutazione delle città è colta dall’artista con una sorta di innamoramento lirico, non di denuncia ma di consapevolezza. Se il tema è però letto cogli altri soggetti – i ritratti, le figure, i nudi, gli interni, gli oggetti – si è indotti ad accostare la pittura della Bodin a qualcosa di più esistenziale, che riguarda la vita, il temperamento e il carattere e perfino gli affetti e i sentimenti dell’artista. In figurazioni come l’Ultima cena (una grande tela dove gli apostoli e il Cristo sono assenti e tutto sembra proiettarsi in uno spazio indefinito); nei corpi femminili prigionieri di acque dove annegano chissà quali vergogne o invocano inascoltate speranze di salvezza; nelle plasticità di corpi mixati a lacerti di parole (lettere d’amore?) e testi spesso mimetizzati in raffinati collage; nei ritrattirecenti, accentuati da un segno espressionista e dai contrasti chiaroscurali, si manifesta un che di ansiogeno, di inquietante e apprensivo. L’istintività dellesintesi grafiche, l’intensità dell’impatto emotivo affidato al nero, la rafforzata opposizione bianco/nero che supera i precedenti addolcimenti degli spruzzi luce/oro, conferiscono ai lavori della Bodin un tocco di raffinatezza e di eleganza. Il perché delle scelte è nelle sue parole: «La mia ricerca artistica è iniziata con un dispetto verso la mia professoressa di belle arti che mi impediva di utilizzare il nero nella pittura spiegandomi che sporca l’opera. Mi sono accorta che questo non-colore ha invece la forza di creare atmosfere profonde e rispecchiare perfettamente il mio carattere e il mio stato d’animo. Il mio obiettivo è catturare l’attenzione del passante, trasportarlo in un’altra dimensione e suscitargli emozioni d’ogni tipo. Il colore nero è fondamentale. Evitando accumuli di tonalità diverse, scelgo soltanto combinazioni appropriate, rimanendo fedele all’idea delle opere»

 

 

M. Zanotti:

,,i pennelli della giovane artista rumena Gabriela Bodin si tuffano nelle tonalità scure: nero,grigio,marrone,ruggine,solo a tratti squarciati  da echi d’argento ,questa scelta cromatica cupa è applicata a soggetti di indubbia originalità e persino eccentricità (i carrelli di un supermercato,palazzoni tristi e in costruzione ,periferie urbane,arredi da bagno … , i più impensabili!). Non mancano le figure ,i nudi ,anch’essi grigi. Dunque un mondo inquieto ,cupo, vuoto di fisicità ma anche di spiritualità quello proposto dalla talentuosa artista  rumena, pupilla dell’associazione Artisti Lodigiani che ne ha colto il valore .alle spalle diverse mostre,in Italia e al estero ,molta accademia,un tratto sicuro e affascinante nella resa di iperboliche architetture. E di grande interesse anche questa sua volontà di narrare una realtà fatta anche di binari di treni che si  incrociano ,di convogli vuoti, di grandi raccordi stradali ,di ‘assenza’ del uomo .certo opere difficilmente collocabili in abitazioni tradizionali,forse più adatte a spazi vasti,anche per ragguardevoli dimensioni ,o a loft di metallo capaci di dialogare con una realtà urbana affatto domestica.

 

 

 

Marina Arensi:

 

È giovane, volitiva, impetuosa, la pittura che oggi

 

alle 18 inaugura la stagione espositiva 2010 all’ex chiesa dell’Angelo, in via Fanfulla 22 a Lodi, e compone la mostra personale di Gabriela Bodin: una pittura In transito, dove il suggerimento offerto dal titolo è da intendersi come equivalente del movimento di una ricerca in evoluzione. Per l’artista nata ventisei anni fa a Focsani in Romania e bergamasca di adozione, studi artistici e vari premi alle spalle, l’itinerario muove da raggiungimenti tecnico-stilistici dominati da una già matura e sicura gestione della componente segnica, indiscussa protagonista nei dipinti monocromaticamente attestati intorno alle variazioni dei bruni. Il percorso espositivo in circa quaranta quadri anche inediti e di ampio formato, realizzati negli ultimi due anni e visibili fino al prossimo 14 febbraio, offre gli aspetti più scenografici nella evocazione dei grandi spazi. Negli internidipinti a inquadrature prospetticamente aperte tanto da apparire simili ad esterni, e percontro nelle zoomate che penetrano in profondità lo spessore degli scorci paesaggistici avvicinandone i confini quasi  fossero interni, il tratto più evidente del linguaggio stilistico sta nella forza concitata del segno ampio, riassuntivo degli stimoli assorbiti dalla pittrice da tanta arte contemporanea, da Ossola a Papetti, e artefice dell’indagine metaforica intorno al paesaggio dell’uomo: lo spazio interiore e quello circostante allo stesso modo sfuggenti e ossessivi. Non a caso, lo scorso giugno, le opere dell’esordio lodigiano della Bodin alla galleria di via Oldrado da Ponte gestita da Ambrogio Ferrari – oggi curatore di questa personale – trasmettevano come motivo ricorrente quello delle fabbriche in disuso e degli edifici in costruzione spogli di presenze, privi di riferimenti e dimensioni certe nell’indistinta evocazione delle solitudini urbane degli hinterland. È il racconto del vuoto aperto tra ciò che era prima e il presente, a tornare in questa mostra, con tutta la morfologia travagliata dei nostri giorni, nell’apparire/sparire rapido delle immagini quasi viste da un treno in corsa, come veloce scorre la società contemporanea: nei grattacieli e nel vuoto delle stazioni, nelle prospettive vaste delle sale da gioco e nel mistero di una tavola senza commensali, dipinti su sfondi neri patinati, lucenti o sfibrati dall’emotività velocedelle pennellate bianche e grigie che agitano la materia-sfondo e trovano la luce cruda e disvelatrice. È questo l’altro elemento cardine della cifrastilistica della Bodin che in essa dissolve i misteri luminosi delle notti cittadine per condurla poi lungo i volti e i nudi del ciclo più recente, emergenti anche in tagli inusuali da sfondi ocra per rivestirsi dei colori caldi delle terre, riflettendo riverberi e giochi luministici. Sgocciolature ed elementi decorativi graffiti o disegnati si assimilano qui alla materia spesso marcatamente consistente degli sfondi, coinvolti in un’esecuzione più pacata, preludio forse ad una acquietata riflessione sull’uomo e sul suo viaggio.

 

 

Tatiana Gorla:

 

Confesso che avvicinarmi alle opere pittoriche di Gabriela non è stato facile ma, al contrario, doloroso. L’alone che avvolge tutti i suoi quadri è un alone che ci immerge nelle profondità di una coscienza dai toni cupi e misteriosi. Viene immediatamente da chiedersi: cosa prova Gabriela dentro di sé? Il messaggio che lancia riguarda se stessa oppure è riferito ad una realtà altra? Ha per caso imitato qualche pittore “decadente” oppure è nelle proprie viscere che scorre questo sangue nero trasposto abilmente e scandalosamente sulla tela? La tela…lo scenario di mille esistenze che desiderano comunicare se stesse oppure ciò che sta loro intorno. La giovane età e la bellezza di Gabriela colpiscono se confrontate con i suoi quadri grigi e solitari. In essi sono dipinti personaggi oppure solo ambienti. La caratteristica dominante è, appunto, l’ambiente oscuro che accoglie esistenze in pericolo come quella dell’uomo in caduta, oppure della donna in attesa di partorire. Gli scenari aperti sono specchio di una realtà in totale declino ed abbruttimento. La metropoli e per contro la sala con il tavolo apparecchiato, entrambe nere e solo nere, oserei dire allucinanti a tal punto da spaventare lo spettatore. E’ un sogno apocalittico, dove la distruzione si è impadronita del mondo, dove il male ha vinto sul bene dove si coglie il senso dell’abbandono totale e di una solitudine immensa: un grido muto che rimembra l’eco dell’Urlo di Munch. Disperazione, morte, distruzione che, prima di tutto invade la mente per poi calarsi nell’ambiente che un tempo accoglieva vita e che ora non vede altro che la freddezza gelida della morte. Siamo dunque destinati a perire tutti, irrimediabilmente? Quale scappatoia potrà esistere per liberarci dalla ragnatela di un suicidio che pare programmato? Le tele della Bodin rimandano il mio pensiero al famoso film “Tempi moderni” di Chaplin dove l’ingranaggio stritola, almeno virtualmente, l’operaio. Ecco, come Chaplin la Bodin ha dipinto il male di questi nostri tempi moderni. Il male principale consiste nella figura dell’individuo alienato, uscito da se stesso, in transito non solo perché mortale ma anche perché in attesa che si effettui il proprio personale olocausto, la fine, l’annullamento, lo sbriciolarsi di un corpo inconsistente, privo della sua linfa vitale. E’ il perpetuarsi del ciclo degli esseri viventi il loro destino di cadere, rialzarsi e poi ricadere nuovamente. La Bodin è stata davvero coraggiosa a dipingere  un sentimento forte come quello del dolore ma non solo, è stata anche realistica, perché nella realtà molto spesso incontriamo il brutto, il malvagio e non il buono ed il bello. Ciò che noi ci auguriamo è che questi dipinti siano da monito per chi esercita il male in una società che già di per sé fa acqua da tutte le parti. Una volta constatato che esiste la distruzione dobbiamo ricercare anche l’appiglio giusto per ricostruire, per guardare al domani con impegno e positività. La Bodin ha lanciato un sasso di avvertimento: è come se avesse voluto dirci di guardare in che modo abitiamo il mondo noi, esseri meschini, distruttori di noi stessi. E’ da qui che dobbiamo partire per iniziare a vivere sul serio…

Critica di Gianluigi Guarneri per l’opera ,,ritratto in rosso ,, nel libro ,,LUCE COLORE ANIMA (psicologia del colore),,

,,il volto scavato dalla disperazione diviene l’elemento essenziale della pittura di Gabriela  Bodin. Una esasperata ricerca nell’individuare fra le rughe e l’espressione del volto la profonda introspezione psicologica,porta l’artista a delineare i più sensibili particolari dell’animo umano . Un urlo soffocato rivela la condizione dell’uomo schiacciato delle immani forze opprimenti esterne al suo essere. L’artista denuncia l’irrevocabilità di una autentica speranza di liberazione dalle dogmatiche presenze ed evoca le primordiali energie intrinseche dell’interiorità umana,uniche reali risorse nella lotta contro l’oppressione .

 

 

 

Marina Arensi:

 

Gabriela Bodin dal Lodigiano alle rotte di Polo

 

Un viaggio in Cina e un soggiorno di una settimana offerto dalla municipalità di Hangzhou, la città sul delta dello Yangtze a 140 chilometri da Shanghai, per la ventottenne pittrice rumena e bergamasca di adozione Gabriela Bodin che può ormai considerarsi anche un po’ lodigiana, per la presenza stabile delle sue opere alla galleria di via Oldrado da Ponte e nelle manifestazioni locali; tra tutte la personale di due anni orsono alla Chiesa dell’Angelo e l’ultima edizione del Premio Luigi Brambati, del quale è risultata vincitrice. A condurla nella metropoli che fu tra le sette antiche capitali cinesi è il progetto “Cento pittori sul cammino di Marco Polo. Artisti italiani dipingono Hangzhou “ compreso tra le manifestazioni dell’anno culturale dedicato in Italia alla Cina: cento artisti italiani selezionati dall’associazione Assoartisti-Confesercenti, organizzatrice insieme alla Hangzhou Cultural Brand Promotion Organization dell’iniziativa (sostenuta anche dalle municipalità del centro cinese e di Venezia) che intende consolidare i rapporti culturali tra i due Paesi e palesa la considerazione di cui gode in Cina l’arte contemporanea italiana. Visioni, atmosfere e impressioni assorbite ad Hangzhou dai pittori prescelti, che vi si alternano a gruppi di dieci; e al ritorno in patria, per la Bodin con l’entusiasmo per l’eccezionale accoglienza e l’organizzazione cinese, la loro rielaborazione in due composizioni a olio su tela, per complessive duecento opere che daranno origine a una mostra in Cina il prossimo aprile. La loro prima esposizione avrà però luogo in novembre a Venezia, sulle tracce appunto del cammino di Marco Polo la cui immagine troneggia nel monumento a lui dedicato nella piazza principale di Hangzhou. «Non c’è al mondo città uguale, che vi offra tali delizie così che uno si crede in paradiso»: così il viaggiatore descrisse nel Milione il luogo noto come la Venezia d’Oriente per le isolette, collegate alla terraferma da ponti, che costellano il lago Xi Hu presso il quale sorge. Tra le ipotizzabili scelte stilistiche che restituiranno nei quadri della Bodin il viaggio vissuto lo scorso luglio c’è sicuramente quella del colore che corrisponde alla più recente innovazione del suo linguaggio, così come l’abbiamo vista a Lodi nella mostra della Notte Bianca. Colore a tocchi misurati, attestato in parche mescolanze cromatiche capaci però di morbidezze tonali che privilegiano i bianchi e i rosa tenui, il calore dei bruni chiari: il segno di una nuova, appena accennata esigenza espressiva, che si adagia corentemente, senza stravolgimenti, nel tempo attuale del suo percorso. Perché la moderatezza del colore rimanda al lungo periodo di ricerca della Bodin intorno alle monocromie dei bianchi, dei neri e dei grigi, distesi nella prima fase della sua pittura in vortici di movimento, quasi impressioni colte nel trascorrere veloce del tempo attuale, e in seguito emergenti dalla materia dello sfondo, da sedimentazioni implicanti una più meditata riflessione sui luoghi e sulla figura umana; con la costante della loro trasposizione in inusuali prospettive, e dell’indagine intorno alla luce. Quella di Hangzhou sarà visibile nelle due opere generate da questa esperienza, documentate in un catalogo sintetizzante l’intero progetto con testi in italiano, in cinese e in inglese.

 

 

 

 

 

 

 

____________________________________________

 

http://gabriela-bodin.wix.com/bodingabriela

https://www.facebook.com/Gabriela-Bodin-199401005317/

https://www.instagram.com/gabriela_bodin/

 

Articles similaires

Tags

Partager